#1001NOTTE

PROLOGO

Definiamo “innovazioni sociali” le nuove idee (prodotti, servizi e modelli) che soddisfano dei bisogni sociali (in modo più efficace delle alternative esistenti) e che allo stesso tempo creano nuove relazioni e nuove collaborazioni. In altre parole, innovazioni che sono buone per la società e che accrescono le possibilità di azione per la società stessa (Murray, Grice e Mulgan, 2009).

 

ATTO I

Partirei da un sogno che ho da qualche anno… che forse non è più tale, perché anche grazie all’esperienza appena iniziata delle #1001NOTTE, sta diventando realtà: sogno un cambiamento radicale nel mondo del teatro… che bruci velluti rossi e butti via pellicce e cravatte che fino ad ora hanno accompagnato il teatro lontano dal pubblico!!

Quello che segue è un dialogo che riassume un po’ le conseguenze di questo allontanamento:

Operatore teatrale: Ciao, che fai questa sera?

Amico: Ciao, nulla. Hai qualcosa da proporre?

Operatore teatrale: Questa sera se vuoi vado a teatro. Ti va di venire con me?

Amico: Mmmhhh… Sì… Ehhh… Volentieri. A che ora?

Operatore teatrale: Inizia alle 21. Ci vediamo lì alle 20 e facciamo un aperitivo prima?

Amico: Sì, dai. Passiamo una serata diversa. Come devo vestirmi?

Operatore teatrale: Cosa, scusa?

Amico: Sì. Intendevo dire se dobbiamo essere eleganti?

Il teatro per tornare a essere utile alla società deve tornare ad essere nella società, deve tornare a essere popolare: per questo vogliamo un #teatropop!

 

ATTO II

Da questa riflessione nasce il corso di Social Media Storytelling all’interno del progetto Le mille e una notte. Lo scopo principale del corso è, utilizzando l’anima ludica e la fruizione immediata dei social network, quello di comunicare il progetto con occhi nuovi. Attraverso l’uso dei social network gli allievi attori creeranno una narrazione collettiva e condivisa imparando a sfruttare il web 2.0 e i social network come strumento per il proprio lavoro. Il tutto sarà creato grazie al blog SenzaCravatta: un blog in cui teatro, socialità e cultura convivono; un network nato per l’informazione e la formazione sullo spettacolo dal vivo attraverso il racconto e la lettura. SenzaCravatta è una piattaforma che permette di conoscere e condividere i processi e i cambiamenti del settore. È rivolto a operatori e fruitori del mondo dello spettacolo dal vivo e più nello specifico del teatro. Ha come obiettivo quello di promuovere e monitorare l’evoluzione del patrimonio teatrale e dello spettacolo dal vivo; quindi agevolarne la sua fruizione, diffusione, conservazione, tutela e valorizzazione e di conseguenza creare la prima “community on-line dello spettacolo dal vivo in Italia”.

#1001NOTTE rientra all’interno della categoria “SenzaCravattaFORMAZIONE” nella quale si aggiungeranno tutti i progetti di coloro che avranno voglia di raccontare e condividere la propria esperienza formativa.

Lo spettacolo Le mille e una notte sarà il traguardo di due mesi di laboratorio di alta formazione per 20 giovani attori formatisi nelle accademie d’arte drammatica e nelle scuole di teatro internazionali. Il laboratorio e lo spettacolo hanno l’obiettivo di mettere in relazione giovani attori, pedagoghi e registi, per dare vita a un’esperienza di lavoro che si propone di creare occasioni di vero e proprio scambio culturale di pratiche e metodi di messa in scena, partendo da testi, lingue e linguaggi artistici diversi.

 

ATTO III

A volte queste parole sembrano arabo per molte persone (smart, community, social, sharing…) ma per renderci conto praticamente di cosa stiamo parlando possiamo sbirciare il primo progetto che SenzaCravatta sta curando e sostiene: #LimitiBN, progetto nato all’interno del carcere di Benevento. L’obiettivo dell’operazione è quello di far partecipare da protagonisti tutti coloro che sono coinvolti o che semplicemente sono interessati alle tematiche affrontate dal progetto, narrando la propria esperienza; un “vettore” di collegamento ideale e materiale fra tutti coloro i quali lavorano e sono interessati direttamente e indirettamente come operatori, ex detenuti, famiglie dei detenuti, docenti, studenti.

L’operazione è utile per monitorare il percorso di ogni detenuto e degli operatori teatrali coinvolti. Le attività svolte vengono costantemente archiviate nel sito. Ogni detenuto e ogni operatore viene conosciuto e ci porta a scoprire dall’interno il suo lavoro e il suo percorso nel laboratorio, raccontando il tutto dal suo punto di vista.

#LimitiBN rientra all’interno della categoria “SenzaCravattaSOCIALE” nella quale si aggiungeranno tutti i progetti di coloro che avranno voglia di raccontare e condividere la propria esperienza di teatro sociale.

 

EPILOGO

In questo mio primo post vi saluto con una selezione di quesiti che mi passano quotidianamente nel cervello:

  • Perché c’è un distacco oggi tra quello che raccontiamo in teatro e tra quello che la società ascolta?
  • Come fare per ricreare quel tessuto connettivo per cui il teatro torni a essere un bisogno culturale e sociale primario?
  • Come questo “fare teatro” può diventare immediato, efficace e condiviso?
  • Il ruolo dello storyteller: l’influencer.
  • L‘idea di un corso universitario per storyteller.

 

(Corso di social media storytelling inserito all’interno del progetto “Le mille e una notte” – LINK THEATRE in collaborazione con ARCUS spa)

 

di Daniele Muratore