Cyber-Weapons e conflitti internazionali. Il seminario del 7 marzo

Si svolgerà con la regola del Chatham House il seminario promosso dalla Link Campus University e dal Centro Studi “Gino Germani”.

Un numero crescente di Stati, a partire dalle grandi potenze, sta sviluppando cyber-weapons offensive a elevata potenza distruttiva. Anche diverse medie e piccole potenze si stanno dotando di armi cibernetiche , mentre non è escluso che in futuro possano sviluppare o acquisire determinati tipi di cyber-weapons anche entità non-statali illecite (organizzazioni terroristiche e gruppi criminali), o attori privati economici e politici.

Il seminario affronterà i seguenti quesiti:
1) Quale è la natura e quali sono gli effetti distruttivi delle cyber-weapons?
2) Come vengono utilizzate le cyber-weapons offensive nei conflitti inter-statali o intra-statali oggi, e come verranno utilizzate nei conflitti del futuro?
3) Lo sviluppo e la diffusione di cyber-weapons determinerà nuovi fenomeni di instabilità e conflittualità nel sistema internazionale?
4) Quali potrebbero essere gli elementi di una visione strategica adeguata a prevenire l’insorgere o l’intensificarsi di conflitti cibernetici tra Stati?

Il seminario si terrà venerdì 7 marzo dalle ore 9:30 alle 13, presso l’Aula Biblioteca della Link Campus University (Via Nomentana 335 – Roma).

Il Programma:
Introduzione: Prof. Vincenzo Scotti (Presidente della Link Campus University)
Obiettivi del seminario: Prof. Luigi Sergio Germani (Direttore del Centro Studi “Gino Germani”, e coordinatore scientifico del Master in intelligence e sicurezza della Link University)

Prof. François Géré (Presidente del Institut dell’Institut Français d’Analyse Stratégique , Parigi)
“Il Medio Oriente come campo di prova delle cyber-weapons”

Dott. Matteo Cavallini (Responsabile della sicurezza della CONSIP)
“Cyber-Weapons e Terrorismo; una minaccia credibile?”

Prof. Marco Mayer (Docente di Cyberspace and International Relations, Ph.D. Program, Scuola Superiore di Sant’Anna, Pisa)
“Come arrestare la corsa ai cyber-armamenti? Le prime Confidence-Building Measures (CBM) delle grandi potenze”

Introduzione al dibattito: Dott. Pino Buongiorno (Giornalista).