Lifestyles

Gli studenti provenienti da Istituti scolastici di tutta Italia incontrano la scrittrice

Chiara Di Domenico

Secondo te “vivere all’italiana” è sinonimo di?

Qual è l’immagine che promuove meglio l’italianità all’estero?

 

Queste sono alcune delle domande inserite nel questionario del 5° Rapporto di ricerca dell’Osservatorio Generazione Proteo che consentiranno di aprire una discussione all’interno del tavolo tematico Lifestyles, uno dei 9 tavoli in cui studenti di tutta Italia si confronteranno durante l’evento #ProteoBrains2017 l’11 e il 12 maggio.

 

Chiara Di Domenico

chiara di domenico - lifestylesChiara Di Domenico è nata a Pesaro nel 1976 ma vive e lavora a Milano. Dopo una laurea in Lettere e un master in Editoria entrambi conseguiti all’Università degli Studi di Urbino, si è specializzata in comunicazione per la cultura e in particolare per l’editoria indipendente. Ufficio stampa di diverse case editrici, da nottetempo a L’orma passando per il festival letterario Una Marina di Libri di Palermo e per l’Atlante Digitale del Novecento Letterario con il M.I.U.R, oggi coordina la comunicazione delle case editrici Mimesis e Meltemi. Tra le sue pubblicazioni, Al diavolo con le mie gambe, un epistolario di Dino Campana, e il romanzo Poche Regole Semplici.

 

 

 

 

 

Modera la docente del Corso di Laurea in Studi Politici e Internazionali Marica Spalletta

Marica Spalletta - #proteobrains2017 - lifestylesMarica Spalletta (Ph.D.) è ricercatore di Sociologia dei processi culturali e comunicativi all’Università degli Studi Link Campus University di Roma, dove insegna “Media e Politica”, “Comunicazione pubblica” e “Storia della comunicazione e dei media”. Dottore di ricerca in “Culture della comunicazione” (Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano), nel 2008 ha svolto un periodo di studi presso il McLuhan Center in Culture & Technology (Università di Toronto) su invito del direttore, prof. Derrick De Kerckhove. Dal 2006 al 2010 è stata assegnista di ricerca presso il Centro di ricerca sulla comunicazione della LUISS Guido Carli di Roma diretto dal prof. Massimo Baldini. Dal 2011 al 2014 è stata ricercatore di Sociologia dei processi culturali e comunicativi e docente di “Sociologia dei processi culturali” e “Metodologia della ricerca sociale” presso l’Università degli Studi Guglielmo Marconi di Roma. Negli ultimi 15 anni ha diretto numerose ricerche focalizzate sulla mediatizzazione dei processi culturali (politica, religione, sport, terrorismo) e i suoi effetti sull’evoluzione dei sistemi giornalistici; i processi di ibridazione dei generi giornalistici (informazione politica, sportiva, medico-scientifica); i meccanismi sociali di costruzione e percezione della credibilità dei sistemi giornalistici; la pubblicità sociale non convenzionale; la media ethics. È responsabile scientifico di unità di ricerca nel progetto PRIN 2015 su Media e terrorismi. L’impatto della comunicazione e delle reti digitali sull’insicurezza percepita. Tra le sue pubblicazioni: “Sport Politics. Il ventennio berlusconiano sulle pagine della Rosea” (Comunicazione politica, 2015); “L’influenza di Twitter sul newsmaking sportivo” (Problemi dell’informazione, 2014); “Sports Journalism Between Doping Allegations and Doping Evidence. The Coverage of Lance Armstrong in Italian Newspapers” (Catalan Journal of Communication & Cultural Studies, 2014), SportNews. Modi e mode del giornalismo sportivo italiano (UCSI-UniSOB 2013); Gli (in)credibili. I giornalisti italiani e il problema della credibilità (Rubbettino 2011); Unconventional. Valori, testi e pratiche della pubblicità sociale (Meltemi 2009).