Linee Strategiche – 11/12/2013

ACTA DIURNA / AGGIORNAMENTI QUOTIDIANI (a cura di Marco Emanuele)

C’è, da parte di chi scrive, l’interesse a ragionare sul come abbiamo ridotto la politica (e sulla sua assenza) e, contemporaneamente, sulla sua fondamentale importanza per guardare – con il respiro lungo della storia – alle risposte necessarie per l’uomo di oggi.

Si ripropongono, infatti, domande fondamentali, esistenziali e sembra che esse restino separate dall’ambito della riflessione e della decisione politica. Come dire, la politica (fattasi casta e soluzioni tecniche) non si lascia più “contaminare” e  “fecondare” dalla realtà della vita, anzi legge quest’ultima con fastidio, addirittura come un rischio o un pericolo per la sua sopravvivenza. 

Scrivevo ieri di Stato e mercato che, a ben guardare, sempre più consideriamo “fini” della convivenza e non “mezzi” per la sua ri-creazione in termini di giustizia e libertà. La politica non cerca le ragioni profonde della  giustificazione di Stato e mercato bensì si limita a lavorare su di essi appiattendosi su tecnicalità che, per quanto importanti, non toccano i processi veri della convivenza. Si parla di riforme istituzionali o di comportamenti etici in ambito economico e finanziario come se fossero la panacea per curare l’evidente degenerazione diffusa, non solo in Italia. E’ un pò come contrapporre “società civile” e “società politica”, l’una (presunta) depositaria del bene, l’altra (presunta) depositaria del male assoluto.

E’ venuto il momento, e gli intellettuali hanno una grande responsabilità, di riappropriarsi della verità profonda dei processi storici. In questo, la drammatica crisi che sta percorrendo il nostro Paese e l’Europa, in particolare, può rappresentare una straordinaria opportunità. Dobbiamo guardare in faccia ai temi strategici che toccano la vita di ciascuno di noi e ritornare a “pensare – decidere” in maniera pertinente. Possiamo lasciare ai cosiddetti tecnici di continuare a “sentenziare” sui temi del lavoro, della formazione dei giovani, del rapporto fra Stato e mercato ? Possiamo permettere che la politica davvero abdichi alle sue responsabilità ? E qui, sia chiaro, non è un problema generazionale. E’ un problema di comprensione dei “segni dei tempi”, di Conoscenza della condizione umana.  (ME)

– Scandalo mondiale. Papa Francesco denuncia lo spreco alimentare e il cattivo uso delle risorse della terra. Un miliardo di affamati mentre il cibo a disposizione basterebbe per tutti. E’ uno “scandalo mondiale” che un miliardo di persone nel pianeta soffrano ancora la fame mentre il cibo a disposizione “basterebbe a sfamare tutti”. A denunciarlo è Papa Francesco in un videomessaggio col quale si unisce alla campagna “Una sola famiglia, cibo per tutti” lanciata dalla Caritas Internationalis. Nell’invitare a sostenere la “nobile” iniziativa – alla quale, assicura, “intendo dare tutto il mio appoggio” – il Pontefice richiama il passo evangelico della moltiplicazione dei pani e dei pesci. Un episodio paradigmatico, nel quale Gesù, ascoltando il grido della folla affamata, incita i discepoli “ad andare a cercare il cibo”; e “con la grazia di Dio”, consente loro di “sfamare una moltitudine di persone, raccogliendo persino gli avanzi e riuscendo così a evitare ogni spreco”. Per il Papa questo racconto insegna a scuotersi dall’indifferenza di fronte al dramma della fame – “non possiamo girarci dall’altra parte e far finta che questo non esista” avverte – e suggerisce la strada della condivisione. “Se c’è volontà, quello che abbiamo non finisce, anzi ne avanza e non va perso” afferma il vescovo di Roma, esortando a rispettare e promuovere “questo diritto dato da Dio a tutti di poter avere accesso a una alimentazione adeguata”. Da qui l’appello a mettere in comune “quel che abbiamo nella carità cristiana” e a farci “promotori di un’autentica cooperazione con i poveri, perchè attraverso i frutti del loro e del nostro lavoro possano vivere una vita dignitosa”. Papa Francesco si rivolge alle istituzioni internazionali, ma anche alla Chiesa e ogni uomo. E chiede di “dare voce a tutte le persone che soffrono silenziosamente la fame, affinché questa voce diventi un ruggito in grado di scuotere il mondo”. In questo senso la campagna della Caritas “vuole anche essere un invito a tutti noi a diventare più consapevoli delle nostre scelte alimentari, che spesso comportano lo spreco di cibo e un cattivo uso delle risorse a nostra disposizione”. Un atteggiamento di responsabilità dal quale scaturiscono conseguenze concrete. Perchè, assicura il Pontefice, “le nostre azioni quotidiane” hanno “un impatto sulle vite di chi – vicino o lontano che sia – la fame la soffre sulla propria pelle”. (L’Osservatore Romano, 11 dicembre 2013)

– “Troppa finanza spericolata”. Giro di vite a Wall Street. Venti di bufera tra le banche di Wall Street nel giorno in cui le cinque agenzie federali che regolano risparmio e attività finanziaria (Federal Reserve, SEC, FDIC, CFTC e ufficio del Comptroller of the Currency) hanno tutte contemporaneamente approvato, nonostante la tempesta di neve che si è abbattuta sulla East Coast americana, le norme attuative della cosiddetta “Volcker rule”: regole che limitano fortemente la possibilità, per gli istituti di credito, di svolgere attività speculative redditizie ma anche molto rischiose per la loro stessa stabilità. Introdotta con la legge Dodd-Frank, la riforma delle regole e dei controlli sulla finanza approvata tre anni fa dal Congresso nel tentativo di evitare altri crolli finanziari come quello di cinque anni fa che portà a una recessione planetaria, le nuove regole hanno faticato non poco a vedere la luce. Per la complessità e delicatezza della materia, ma anche per le pressioni lobbistiche delle banche che, pur consapevoli di non poter ripercorrere le scelte spregiudicate del passato, non volevano rinunciare alla parte delle loro attività che negli ultimi anni ha generato più profitti. E che, di conseguenza, ha gonfiato anche le retribuzioni dei banchieri attraverso il meccanismo dei “bonus” legati ai risultati. Ma le cinque agenzie alla fine sono arrivate in porto adottando una regolamentazione comune più severa di quella che era attesa: le banche potranno fare “trading” di titoli per conto dei clienti ma non per loro profitto. (…) (Massimo Gaggi, Corriere della Sera, 11 dicembre 2013)

(continua su Complessi si nasce, http://complessi-si-nasce.webnode.it)

Segui il sito Linee strategiche, in costante aggiornamento dal mondo: http://linee-strategiche.webnode.it. Alcune segnalazioni:

EURASIA

– Change Of Power In Georgia To Positively Affect Domestic And Foreign Policy (Eurasia review), http://www.eurasiareview.com/10122013-change-power-georgia-positively-affect-domestic-foreign-policy-analysis/

– Latvia: 20 Years To Trade Economic Independence For Political Sovereignty (Eurasia review), http://www.eurasiareview.com/10122013-latvia-20-years-trade-economic-independence-political-sovereignty-analysis/

GLOBAL

– China And ADIZ: Cold Confrontation With The US? (Eurasia review), http://www.eurasiareview.com/10122013-china-adiz-cold-confrontation-us-analysis/

– Gulf Security: A Risky New US-Saudi Blueprint (Eurasia review), http://www.eurasiareview.com/10122013-gulf-security-risky-new-us-saudi-blueprint-analysis/

– State Immunity: Recent Developments and Prospects (Chatham House), http://www.chathamhouse.org/publications/papers/view/196183

– France and the CAR: Now Comes the Hard Part (Chatham House),  http://www.chathamhouse.org/media/comment/view/196189

– L’Onu batte un colpo su privacy e spioni (AffarInternazionali), http://www.affarinternazionali.it/articolo.asp?ID=2478

– Il discorso completo di Barack Obama al funerale di Nelson Mandela (Limes online), http://temi.repubblica.it/limes/il-discorso-completo-di-barack-obama-al-funerale-di-nelson-mandela/55733

– Finishing Off Hunger (Project-Syndicate), http://www.project-syndicate.org/commentary/jomo-kwame-sundaram-on-the-persistence-of-high-rates-of-under-nutrition-worldwide

– Power to the Poorest (Project-Syndicate), http://www.project-syndicate.org/commentary/werner-bergholz-proposes-a-boot-strap-model-for-developing-countries–energy-sectors

– Joe Biden Wraps-up Asia-Pacific Trip: Rebalancing Policy Going Strong (II) (Strategic Culture Foundation),  http://www.strategic-culture.org/news/2013/12/11/biden-wraps-up-asia-pacific-trip-rebalancing-policy-going-strong-ii.html
– The Eastern European Islands of the Global GULAG (Strategic Culture Foundation),  http://www.strategic-culture.org/news/2013/12/11/the-eastern-european-islands-of-the-global-gulag.html
ASIA

– INS Vikramaditya and the Aircraft Carrier Debate (The Diplomat), http://thediplomat.com/2013/12/ins-vikramaditya-and-the-aircraft-carrier-debate/

– Global Economics Monthly: December 2013. Abenomics: A New Beginning or a Black Swan? (Council on Foreign Relations), http://www.cfr.org/economics/global-economics-monthly-december-2013/p32023

– Fire on the City Gate: Why China Keeps North Korea Close (International Crisis Group), http://www.crisisgroup.org/en/regions/asia/north-east-asia/china/254-fire-on-the-city-gate-why-china-keeps-north-korea-close.aspx

– Pakistan’s Political Renaissance (Project-Syndicate), http://www.project-syndicate.org/commentary/shahid-javed-burki-praises-three-important-steps-taken-by-pakistani-prime-minister-nawaz-sharif-s-government-to-tame-the-military-and-strengthen-the-rule-of-law

USA

– Banking on Growth. U.S. Support for Small and Medium Enterprises in Least-Developed Countries (Council on Foreign Relations), http://www.cfr.org/economic-development/banking-growth/p31979

LAVORIAMO INSIEME NEL BLOG “STRATEGIECOMPLESSE”, http://strategiecomplesse.wordpress.com
in collaborazione con Università degli Studi Link Campus University, http://www.unilink.it

per essere cancellata/o scrivi a:
lineestrategiche@gmail.com