Linee Strategiche – 14/12/2013

 

L’Italia paga l’assenza di visioni sistemiche. Non siamo, infatti, una democrazia compiuta ma sopravviviamo in una sorta di sommatoria delle nostre tante (e positive) peculiarità.

Concordo con quanti sollecitano gli italiani a non considerarsi fanalino di coda di alcunché ma credo che, al contempo, noi italiani dobbiamo lavorare a recuperare la “memoria attiva” di ciò che siamo per costruirci, finalmente, come cittadini responsabili e come Paese strategico.

Al di là dei vincoli europei che certamente pesano sull’esercizio pieno della sovranità (problema da affrontare ma che accomuna anche gli altri Paesi dell’Europa), l’Italia deve ritrovare il suo essere depositaria di tradizioni culturali davvero uniche. Facciamo molta retorica intorno al “Paese più bello del mondo” ma non riusciamo ad esserlo, nemmeno ci proviamo; ci vuole una rinnovata consapevolezza dei nostri talenti, un rinnovato ottimismo delle volontà che sappia guardare oltre le difficoltà imminenti. E tale ottimismo deve maturare in maniera integrata. Tutti insieme dobbiamo crederci, al di là delle differenze di opinione o di schieramento.

In questo la politica deve rinascere, ridandosi una dignità ed un senso strategico. La politica è l’anima di un popolo e di uno Stato e può rinascere solo se il senso di politicità si fa rappresentanza (nel rispetto delle necessarie mediazioni istituzionali).

Abbandonati i forconi, potrebbe aprirsi un tempo nuovo per la ragione. (ME)

 

Nell’ambito della nostra riflessione sull’Italia, pubblichiamo un importante contributo del Prof. Sergio Zoppi:

 

L’ANIMI e la SVIMEZ nascono a seguito di interventi traumatici riguardanti in modo particolare il Mezzogiorno:

–         nel 1910 per affrontare la piaga dell’analfabetismo e delle malattie croniche, dell’ignoranza diffusa in una società fortemente arretrata, messa in evidenza dal disastroso terremoto di due anni prima;

–         nel 1946, per contribuire a superare la depressione economica attrezzando territori caratterizzati da un quasi deserto industriale.

Oggi quei problemi sono superati, anche se non risolti, nello stesso Mezzogiorno.

Al presente, un neoumanesimo assoluto si concentra prevalentemente sul culto del corpo, sulla sua adorazione. L’attenzione è al proprio io, così da favorire l’interruzione  delle comunicazioni verso l’esterno. Probabilmente risiede qui una delle radici della violenza che cresce.

Il grande italiano Umberto Zanotti-Bianco – scomparso cinquanta anni fa – non trascura il corpo (corre sempre in aiuto di coloro che hanno impellenti e gravi bisogni materiali) ma nutre soprattutto la mente: scuole, biblioteche, collane editoriali, lavoro, arte, paesaggio…In un’epoca d’ipocrisia e di servilismo fa i conti con un cristianesimo che va alle radici.

Continua ora ad aggravarsi una situazione: la latitanza dell’onestà intellettuale, riscontrabile in tutta Italia, radicata al Sud, capace di condizionare la creazione di una vita libera, democratica, giusta, premessa obbligata per uno sviluppo duraturo in grado di far crescere la ricchezza materiale e quella spirituale.

L’onestà intellettuale era un presupposto all’agire in Pastore, Salvemini, Menichella, Saraceno, Ceriani-Sebregondi, Balbo, Compagna, Rossi-Doria, Scaglioni, Romeo e altri, così come in Zanotti-Bianco e i suoi.

Lo sviluppo del Sud non è impedito dall’assenza di classe dirigente: sono molte le persone preparate in tutti i campi. Non è più questione di sottosviluppo: il Sud è da tempo inserito nella modernità con redditi dignitosi (anche se le sacche di miseria sono significative).

Quello  che caratterizza oggi troppi italiani, con effetti disastrosi nel Mezzogiorno (dove l’articolazione della società è debole), è la voglia di imbrogliare il Comune, la Regione, con il Comune e la Regione che, a loro volta, vogliono imbrogliare i cittadini, con parlamentari che rinnegano il loro ruolo. Le stesse considerazioni si possono fare per le tante imprese di produzione e di servizio, per le professioni liberali e per le università. Lo Stato centrale poi, nei suoi comportamenti, dà il contributo più forte all’assenza di fiducia.

L’Italia, avviluppata nella povertà morale, rischia di essere sopraffatta dai furbi facilmente delinquenti, negatori nei comportamenti dei capisaldi costituzionali. Perciò chi scrive, senza abbandonare la speranza di un diverso domani e invocando il nome di Zanotti-Bianco, è pronto ad aggiungere la propria modesta firma ad altre autorevoli su un manifesto rivolto “ai miserabili d’Italia” affinché si ravvedano.

 

(continua su Complessi si nasce, http://complessi-si-nasce.webnode.it)

Segui il sito Linee strategiche, in costante aggiornamento dal mondo: http://linee-strategiche.webnode.it. Alcune segnalazioni:

EURASIA

– Ukraine’s Two New Energy Deals (Eurasia review), http://www.eurasiareview.com/13122013-ukraines-two-new-energy-deals-analysis/

MIDDLE EAST

– The Kurdish Question And Regional Stability (Eurasia review), http://www.eurasiareview.com/13122013-kurdish-question-regional-stability-analysis/

– Egypt’s Sinai Peninsula and Security (Council on Foreign Relations), http://www.cfr.org/egypt/egypts-sinai-peninsula-security/p32055

– The Resurgence of al Qaeda in Iraq (Brookings), http://www.brookings.edu/research/testimony/2013/12/12-resurgence-al-qaeda-iraq-pollack

GLOBAL

– United Arab Emirates Foreign Aid: A Growing Success Story Based On Humanitarian Principles (Eurasia review), http://www.eurasiareview.com/13122013-united-arab-emirates-foreign-aid-growing-success-story-based-humanitarian-principles-analysis/

– The Rights of Digital Man (Project-Syndicate), http://www.project-syndicate.org/commentary/rod-beckstrom-proposes-ways-to-reclaim-control-over-our-online-selves

– Is Time Running Out for Agreement on TTIP? (Chatham House), http://www.chathamhouse.org/media/comment/view/196234

– NSA Revelations Have Irreparably Hurt U.S. Corporations in China (Brookings),
http://www.brookings.edu/research/opinions/2013/12/12-nsa-revelations-hurt-corporations-china-li-mcelveen

– The Wisdom of Crowd-Funders: What Motivates Cross-Border Private Development Aid? (Brookings), http://www.brookings.edu/research/papers/2013/12/crowd-funders-development-aid-desai-kharas

– What the Arab Spring Tells Us About the Future of Social Media in Revolutionary Movements (International Relations and Security Network), http://www.isn.ethz.ch/Digital-Library/Articles/Detail/?lng=en&id=174233

– Oltre la Siria: la Russia riscopre il Medio Oriente (Limes online), http://temi.repubblica.it/limes/oltre-la-siria-la-russia-riscopre-il-medio-oriente/55729

– The Fight for Influence: Russia in Central Asia (Carnegie Endowment for International Peace), http://carnegie.ru/2013/12/10/fight-for-influence-russia-in-central-asia/gvvc

– U.S.-China Security Perceptions Survey: Findings and Implications (Carnegie Endowment for International Peace), http://carnegieendowment.org/2013/12/12/u.s.-china-security-perceptions-survey-findings-and-implications/gvqk

INTORNO ALLA COMPLESSITA’. LAVORIAMO INSIEME NEL BLOG “strategiecomplesse”, http://strategiecomplesse.wordpress.com

in collaborazione con Università degli Studi Link Campus University, http://www.unilink.it:

– martedì 17 dicembre 2013 ore 16, presso la biblioteca di Link Campus University (via Nomentana 335, Roma), presentazione del libro di Raffaele Lauro “Sorrento The Romance. Il conflitto, nel XVI secolo, tra Cristianesimo e Islam”.  http://www.unilink.it/sorrento-the-romance/

per essere cancellata/o scrivi a: lineestrategiche@gmail.com