Linee strategiche – 18/09/2014

by Marco Emanuele with Link Campus University, www.unilink.it

 

– La nostra attuale Università forma in tutto il mondo una proporzione troppo grande di specialisti di discipline predeterminate, dunque artificialmente circoscritte, mentre una gran parte delle attività sociali, come lo stesso sviluppo della scienza, richiede uomini capaci di un angolo visuale molto più largo e nello stesso tempo di una messa a fuoco in profondità dei problemi, e richiede nuovi progressi che superino i confini storici delle discipline. (Lichnerowicz, in Edgar Morin, La testa ben fatta, Le sfide) 

 
– Come hanno scritto Aurelio Peccei e Daisaku Ikeda: “L’approccio riduzionista, che consiste nel far riferimento a una sola serie di fattori per definire la totalità dei problemi posti dalla crisi multiforme che attualmente stiamo attraversando più che una soluzione è il problema stesso” (Edgar Morin, La testa ben fatta, Le sfide)
 
–  La cultura, ormai, non solo è frammentata in parti staccate, ma anche spezzata in due blocchi. La grande disgiunzione tra la cultura umanistica e quella scientifica, delineatasi nel XIX secolo e aggravatasi nel XX secolo, provoca gravi conseguenze per l’una e per l’altra. La cultura umanistica è una cultura generica, che attraverso la filosofia, il saggio, il romanzo alimenta l’intelligenza generale, affronta i fondamentali interrogativi umani, stimola la riflessione sul sapere e favorisce l’integrazione personale delle conoscenze. La cultura scientifica, di tutt’altra natura, separa i campi della conoscenza, suscita straordinarie scoperte, geniali teorie, ma non una riflessione sul destino umano e sul divenire della scienza stessa. La cultura umanistica tende a diventare come un mulino privato del grano costituito dalle acquisizioni scientifiche sul mondo e sulla vita, che dovrebbe alimentare i suoi grandi interrogativi; la cultura scientifica, privata di riflessività sui problemi generali e globali, diventa incapace di pensiero e di pensare i problemi sociali e umani che pone. (Edgar Morin, La testa ben fatta, Le sfide)

– Attualmente è impossibile democratizzare un sapere compartimentato o per natura esoterizzato. Ma forse sarebbe possibile considerare una riforma di pensiero che permettesse di affrontare la formidabile sfida che ci chiude nella seguente alternativa: o subire il bombardamento di innumerevoli informazioni che ci arrivano a pioggia quotidianamente attraverso i giornali, le radio, le televisioni oppure affidarci a dottrine che delle informazioni accettano solo ciò che le conferma o che è loro intelleggibile, rifiutando come errore o illusione tutto ciò che le smentisce o che risulta loro incomprensibile. Questo problema si pone non solo per la conoscenza quotidiana del mondo, ma anche per quella di tutte le cose umane e per la stessa conoscenza scientifica. (Edgar Morin, La testa ben fatta, Le sfide)

– Lo sviluppo dell’intelligenza generale richiede di legare il suo esercizio al dubbio, lievito di ogni attività critica, che, come indica Juan de Mairena, permette di “ripensare il pensato”, ma comporta anche “il dubbio del suo stesso dubbio”. (Edgar Morin, La testa ben fatta)

 
 
 
Some news from Linee strategiche (a narrative of global complexity), www.lineestrategiche.org:

– Coalizione anti IS: si può fare a meno dell’Iran? (Maurizio Melani, ISPI), http://www.lineestrategiche.org/news/coalizione-anti-is%3a-si-pu%C3%B2-fare-a-meno-dell%E2%80%99iran-%28maurizio-melani%2c-ispi%29-/

– What Putin Really Feared In Ukraine (Chris Miller, Eurasia review – Foreign Policy Research Institute), http://www.lineestrategiche.org/news/what-putin-really-feared-in-ukraine-chris-miller-eurasia-review-foreign-policy-research-institute-/

– Syrian Jihad Spawned The Islamic State (Nauman Sadiq, Eurasia review),  http://www.lineestrategiche.org/news/syrian-jihad-spawned-the-islamic-state-nauman-sadiq-eurasia-review-/

– Defeating ISIS Requires Partnering With Arab Sunni States, Resolving Syrian Conflict, Engaging Iran To End Regional Sectarian Tension (Eurasia review – INEGMA), http://www.lineestrategiche.org/news/defeating-isis-requires-partnering-with-arab-sunni-states-resolving-syrian-conflict-engaging-iran-to-end-regional-sectarian-tension-eurasia-review-inegma-/

– North American Shale-Focused Companies’ Financial Performance Has Improved (Eurasia review – EIA), http://www.lineestrategiche.org/news/north-american-shale-focused-companies-financial-performance-has-improved-eurasia-review-eia-/

– East China Sea Energy Profile: Exploration Hindered By Unresolved Territorial And Maritime Claims (Eurasia review – EIA), http://www.lineestrategiche.org/news/east-china-sea-energy-profile-exploration-hindered-by-unresolved-territorial-and-maritime-claims-eurasia-review-eia-/

– Xi Jinping in India: A Breakthrough in Relations? (Saurav Jha, The Diplomat), http://www.lineestrategiche.org/news/xi-jinping-in-india-a-breakthrough-in-relations-saurav-jha-the-diplomat-/

– Amid Anti-Monopoly Probe, FDI in China Hits 2 Year Low (Shannon Tiezzi, The Diplomat), http://www.lineestrategiche.org/news/amid-anti-monopoly-probe-fdi-in-china-hits-2-year-low-shannon-tiezzi-the-diplomat-/

– India and Vietnam Call for Freedom of Navigation in South China Sea (Ankit Panda, The Diplomat), http://www.lineestrategiche.org/news/india-and-vietnam-call-for-freedom-of-navigation-in-south-china-sea-ankit-panda-the-diplomat-/

– Project Mausam: India’s Answer to China’s ‘Maritime Silk Road’ (Akhilesh Pillalamarri, The Diplomat), http://www.lineestrategiche.org/news/project-mausam-indias-answer-to-chinas-maritime-silk-road-akhilesh-pillalamarri-the-diplomat-/

– Jokowi’s Economic Challenges (Prachi Priya, The Diplomat), http://www.lineestrategiche.org/news/jokowis-economic-challenges-prachi-priya-the-diplomat-/

– China’s President Should Have Visited Afghanistan (Ankit Panda, The Diplomat), http://www.lineestrategiche.org/news/chinas-president-should-have-visited-afghanistan-ankit-panda-the-diplomat-/

– Great Cities and Ghost Towns (Andrew Sheng, Xiao Geng, Project-Syndicate), http://www.lineestrategiche.org/news/great-cities-and-ghost-towns-andrew-sheng-xiao-geng-project-syndicate-/

– The System is Working (Daniel W. Drezner, Project-Syndicate), http://www.lineestrategiche.org/news/the-system-is-working-daniel-w-drezner-project-syndicate-/

– Remaking the Money Market (Mark Roe, Project-Syndicate), http://www.lineestrategiche.org/news/remaking-the-money-market-mark-roe-project-syndicate-/

– Piketty’s Missing Rentiers (Jeffrey Frankel, Project-Syndicate), http://www.lineestrategiche.org/news/pikettys-missing-rentiers-jeffrey-frankel-project-syndicate-/

– Revamping Europe’s Tattered Social Contract (Kemal Derviş, Project-Syndicate), http://www.lineestrategiche.org/news/revamping-europe%E2%80%99s-tattered-social-contract-%28kemal-dervi%C5%9F%2c-project-syndicate%29-/

– What Water’s Worth (Asit K. Biswas, Ahmet C. Bozer, Project-Syndicate),  http://www.lineestrategiche.org/news/what-waters-worth-asit-k-biswas-ahmet-c-bozer-project-syndicate-/

  

Marco Emanuele blogs on strategiecomplesse – ritorno alla complessità, http://strategiecomplesse.wordpress.com:
 
 
 
 
Marco Emanuele: twitter @ComplexInWorld


 
Eurlink, Link Campus University Press, www.eurilink.it. News of september 2014:

I fondamentalismi religiosi nel mondo contemporaneo (a cura di Anna Maria Cossiga e Luigi Sergio Germani). Contributi di: S.Caprio, M.Cassuto Morselli, S.Dambruoso, C.Galzerano, D.Garrone, L.S.Germani, M.C.Giorda, M.Giuliani, G.Gomel, M.Introvigne, E.Molinaro, P.Naso, Y.Pallavicini, L.Pellicani, C.Sbailò, F.Squarcini, L.Vidino. Quali sono le caratteristiche ricorrenti dei movimenti religiosi di tipo fondamentalista ? Quali sono i fattori che spiegano l’attuale espansione di questi movimenti in diversi contesti religiosi e aree geografiche ? Quali sono gli obiettivi politici politico-ideologici e le strategie dei movimenti fondamentalisti ? Questo libro, che raccoglie gli esiti di sei seminari organizzati dalla Fondazione Link Campus University di Roma e dall’Istituto Gino Germani, si propone di dare delle risposte a queste ma anche ad altre domande cruciali sui fondamentalismi religiosi, approfondendo e analizzando il fenomeno in prospettiva comparativa. Il forte impatto degli ultimi decenni sul sistema politico internazionale e sui processi politici interni agli stati nazionali, infatti ha portato il mondo a confrontarsi con il fenomeno del fondamentalismo religioso in maniera ancora più approfondita e sistemica rispetto al passato. Più in generale, una certa “recrudescenza” del fenomeno, secondo certi studiosi, sarebbe dovuta al sempre più crescente processo di secolarizzione del mondo.
 
Next events in Link Campus University:
 
29 SETTEMBRE 2014 ORE 18. Biblioteca di Link Campus University, via Nomentana 335, Roma, presentazione del libro di Fabio Nicolucci, Sinistra e Israele (Salerno Editrice). Ne discutono: S.E. Naor Gilon (Ambasciatore dello Stato d’Israele in Italia),  Sen. Marco Minniti (Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri), Prof. Vincenzo Scotti (Presidente Fondazione Link Campus University). Modera: Prof.ssa Anna Maria Cossiga (Docente di Antropologia culturale presso la Link Campus University). Sarà presente l’autore. R.S.V.P.: m.emanuele@unilink.itc.scotti@unilink.it
 
 
Other events to your attention:
 
giovedì 25 settembre 2014 ore 16 (facoltà di Lettere e Filosofia – aula a – dipartimento di Storia, Culture e Religioni, Sapienza Università di Roma), convegno sul tema Umberto Zanotti-Bianco: una certa idea dell’Italia cinquanta anni dopo. Intervengono: Roberto Nicolai (Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia), Guido Pescosolido (Direttore del Dipartimento di Storia, Culture, Religioni e Direttore scientifico dell’ANIMI), Gerardo Bianco (Presidente dell’ANIMI), Giuseppe Giarrizzo (Zanotti-Bianco … di popoli non di nazioni …), Emilio Gentile (L’Italia di Zanotti-Bianco), Sergio Zoppi (L’impegno politico di Zanotti-Bianco), Lavinia Gazzé (Sull’istruzione elementare: la collaborazione tra Zanotti-Bianco e Lombardo Radice). Coordina: Maria Mazza. A cura di Associazione Nazionale per gli Interessi del Mezzogiorno d’Italia e Sapienza Università di Roma