Rio 2016 – Oggi Pallanuoto

Le italiane della pallanuoto trionfano a Rio il 9 agosto contro le padrone di casa: sale la tensione a poche ore dalla prossima partita. La torcida è una tipologia di tifo particolarmente vivo e pittoresco, tipico del calcio sudamericano. Stesso stile inconfondibilmente caliente di quando gioca il Flamengo, ma in circostanze un po’ diverse: stavolta la partita è in acqua e la palla si prende con le mani, però sempre di sport e grandi emozioni si tratta. E che emozioni. Emozioni forti, senza dubbio, ma non esattamente le stesse per tutti. A fare la differenza fra chi esulta e chi insinua nervosamente le dita fra i capelli, questa volta, sono i colori nazionali e la capacità di chi li rappresenta di tenere alta la propria bandiera. La pallanuoto è pur sempre un gioco, ovviamente, ma quando ci si confronta in un’olimpiade una parte di noi è inevitabilmente seria. L’importante non è solo partecipare, anche se i veri sportivi non lo ammetteranno mai. Complimenti Tania Di Mario (studentessa LCU appena graduata), indubbiamente l’atleta più rappresentativa della nostra squadra di pallanuoto alle Olimpiadi di Rio De Janeiro 2016. Bravissime invero tutte le ragazze del Setterosa, la squadra azzurra che il 9 agosto ha fatto scorrere fiumi di adrenalina fra milioni di spettatori in tutto il mondo, terminando la partita con una vittoria sul Brasile per 9 a 3.
Il match contro il Brasile è stato senza dubbio una bella sfida per le azzurre, eppure un inizio morbido rispetto alle prove che verranno. Vincere non è mai facile, ma certe volte è più facile che in altre. Lo step successivo alla vittoria di ieri sarà maledettamente più arduo da superare, dato che l’Australia può contare su una squadra davvero competitiva. Neppure la Russia scherza, per motivi diversi dall’Australia, ma al pari dei nostri prossimi avversari ha una formazione capace di dare del filo da torcere a chiunque provi a sbarrargli il cammino. Ancora più preoccupanti di australiane e russe sono infine le ragazze statunitensi, giustamente considerate un gradino sopra le prime due. Un passo alla volta, pensiamo a oggi. Ferie permettendo, niente impegni alle 15.20: citofono staccato, via telefoni e telefonini. E per chi ha fame e voglia di prenderla un po’ a ridere, si consiglia frittatona di cipolle e Peroni ghiacciata: tanto lo sforzo fisico è un problema che non ci riguarda direttamente.