LABORATORI E LEGAL GAMES

Il minimo comun denominatore
Focalizzati su settori nevralgici e di particolare attualità, i laboratori organizzati dall'Università degli Studi Link Campus University consentono allo studente di testare le conoscenze acquisite durante il Corso di Laurea; da efficace banco di prova, le attività caratteristiche del mondo professionale si traducono in fondamentale occasione di esperienza applicativa.

L’innovativo metodo LinkLAB caratterizza i diversi Corsi di Laurea, raggruppandone le materie per affinità disciplinare. Esso consente ai corsisti di approfondire i principali temi di studio con l’analisi casistica e la simulazione. Unitamente ai titolari dei singoli insegnamenti, operatori del diritto (magistrati, notai, avvocati, componenti di organi di giustizia sportiva, etc.) e figure apicali di aziende-leader sul mercato nazionale e internazionale (managers, internal auditors, advisors, etc.) consentono di realizzare il trinomio teoria-esperimento-simulazione e la conseguente sperimentazione empirica di concetti teorici. I frequentanti possono quindi familiarizzare in tempi rapidi con istituti e sistemi complessi, fruendo di una tecnica di apprendimento alternativa alla lezione classica che permetterà loro un accesso dinamico al mondo del lavoro.

I laboratori di Giurisprudenza offrono al corsista l’inquadramento giuridico e gli strumenti essenziali per affrontare in maniera consapevole e con capacità critica aspetti pratici e questioni tipiche della futura attività professionale.

LABORATORI DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA LMG-01

icone_giurisprudenza-2

La diplomazia giuridica in action
Orientamento International Relations, Law Of Armed Conflict, Use Of Force And Peacekeeping

La diplomazia, intesa come metodo di azione internazionale e come complesso di organi preposti allo svolgimento dei rapporti fra gli stati, si distingue, sia come categoria concettuale sia come attività pratica, dalla politica estera, ed è un metodo che si fonda sul negoziato. Il Laboratorio mira a mettere in relazione gli studenti con ‘lo specialista’ della cooperazione in urgenza ambientale e umanitaria, attraverso un percorso di approfondimento utile ad analizzare gli studi esistenti sulla situazione economica e sociale dei paesi in cui si opera; a imparare a relazionarsi con le istituzioni e le associazioni di tali paesi, al fine di raccoglierne le istanze e rielaborare le informazioni ottenute per definire obiettivi di intervento prioritari. Inoltre, l’attività intende fornire allo studente la conoscenza delle fonti di finanziamento a livello internazionale, nazionale e regionale, insegnargli a monitorare in maniera costante e continuativa i fondi per l’aiuto umanitario, ma anche i fondi strutturali, le iniziative e i programmi di cooperazione dell’Unione europea, i finanziamenti pubblici, nazionali e locali, e l’interazione con le varie istituzioni finanziatrici. Obiettivo del Laboratorio è, infine, la conoscenza approfondita e l’acquisizione della capacità di applicare le diverse metodologie proprie degli organismi di cooperazione multi e bilaterale per l'elaborazione di programmi e progetti di aiuto allo sviluppo ed alle missioni di pace.

icone_giurisprudenza-57

Flussi migratori e sicurezza dello Stato
Orientamento International Relations, Law Of Armed Conflict, Use Of Force And Peacekeeping

Le migrazioni, soprattutto quelle "irregolari" o "clandestine", sono ormai ben lungi dall’essere considerate un fenomeno esclusivamente socio-economico. Questione "meta-securitaria", la tematica dell’immigrazione si lega ad altri specifici temi come la minaccia all’ordine pubblico e alla sicurezza nazionale, tipica del mondo contemporaneo, agganciata ai traffici illeciti transfrontalieri, al crimine organizzato, al terrorismo internazionale, alla frammentazione sociale e all’instabilità politico-economica. Il Laboratorio intende affrontare in ottica comparata la questione del rapporto tra migrazioni e sicurezza, analizzando e approfondendo, sotto la guida di esperti delle principali istituzioni nazionali e internazionali, i concetti base e le soluzioni adottate in diversi contesti nazionali. Gli studenti saranno accompagnati dai docenti del Corso di Studi e da esperti del settore, nella elaborazione di specifici piani di gestione dell’immigrazione e la costruzione di modelli di organizzazione sociale compatibili.

icone_giurisprudenza-55

Bit Coin e transazioni on-line: i rischi dell’evoluzione tecnologica
Orientamento Tecnologia, intelligenza artificiale e nuove frontiere del diritto

Sfruttando il modello di tipo esperenziale (c.d. learning by doing), il laboratorio trae spunto dall’analisi della casistica più significativa e attuale inerente le transazioni concluse mediante l’impiego di criptovaluta. L’esame empirico consente al Corsista di inquadrare giuridicamente figure spesso conosciute durante la navigazione in rete (exchanger, wallet provider, bitcoin hosting provider, bitcoin miner, etc.), individuando le peculiarità e i rischi legati all’utilizzo della criptovaluta dalla semplice compravendita on-line al trading.

icone_giurisprudenza-56

Robot e intelligenza artificiale: una nuova rivoluzione industriale?
Orientamento Tecnologia, intelligenza artificiale e nuove frontiere del diritto

Il Laboratorio è volto ad approfondire il fenomeno dal punto di vista giuridico, offrendo al corsista una rappresentazione consapevole della cornice normativa volta a disciplinare l’impiego della robotica e dell’intelligenza artificiale nei diversi ambiti (manifatturiero, commerciale, agricolo, educativo, etc.) con particolare attenzione al settore dei trasporti. Utilizzando l’approccio casistico, al Corsista vengono sottoposte problematiche fondamentali, tra le quali: a. la responsabilità in caso di danni o infortuni causati da robot; b. la protezione della privacy degli individui; c. la interazione uomo-macchina. Particolare attenzione è riservata ai recenti prototipi di robot che si intende avviare non solo nel mondo produttivo, ma anche in quello sociale.

icone_giurisprudenza

Crime labs
Orientamento Scienze Penali, Criminologiche e Investigative

Oltre alle materie di studio, il percorso offre un’esperienza pratica grazie ai laboratori criminologici, i CRIME LABs, che consentono ai nostri studenti di imparare attraverso la pratica quello che avviene nelle fasi di sopralluogo e raccolta delle tracce sulla Scena di un Crimine e di studiare la criminologia con particolare attenzione all’analisi di colui che delinque in quanto persona, con un approccio, quindi, antropologico, psichiatrico e psicologico. Questo percorso di formazione avanzata prosegue nelle fasi di successiva analisi dei protocolli e della catena di custodia, nell’analisi logica delle tracce e nel percorso dibattimentale durante il quale si formano le prove.

icone_giurisprudenza-58

Il processo penale in action
Orientamento Scienze Penali, Criminologiche e Investigative

L’obiettivo del laboratorio è la conoscenza della materia processuale di ordine penale come declinata sul piano legislativo, ma soprattutto come in concreto affrontata nelle aule di Tribunale e nelle criticità riscontrate nella prassi giurisprudenziale. Attraverso gli incontri di didattica frontale saranno inquadrate le disposizioni di nuovo conio, in un’ottica di comparazione con i precedenti dettami oggetto di riforma al fine di avvicinare lo studente a un insieme di conoscenze e tecniche specifiche di lavoro inerenti al procedimento di riformulazione legislativa con particolare attenzione all’utilizzo consapevole degli strumenti interpretativi propri della professione dell’odierno ‘operatore del diritto’. Nello specifico, il corredo normativo penale atto a mettere in luce questi fenomeni, non solo di carattere processuale ma anche sostanziale, verterà eminentemente sulle tematiche più attuali, a partire dalla duplice qualificazione dell’imputato nella sua reversibile e irreversibile incapacità, attraverserà la modifica delle disposizioni concernenti le indagini preliminari, l’archiviazione e l’udienza preliminare, toccando in alcuni punti anche le modifiche intervenute nel procedimento di precisi riti speciali quali il rito abbreviato e il patteggiamento, giungendo fino alla nuova disciplina di richiesta delle prove nel dibattimento e del contenuto necessario nella sentenza. La casistica giurisprudenziale interna ed europea guiderà l’approfondimento di questi temi, la cui analisi non può arrestarsi a un’ottica nazionale, anche in riferimento alla riforma della complessa tematica delle intercettazioni e dei giudizi di impugnazione, muovendo da un’ottica comparatistica degli ordinamenti fino ad una prospettiva che assurga ad una comune matrice ‘europeista’. Delineato il raggio d’azione nazionale e internazionale di riferimento, gli studenti saranno sottoposti a una vera e propria attività ermeneutica della disposizione normativa, al fine di integrare la conoscenza dogmatica generale con un approccio pratico, guidati dall’autorevolezza e dall’esperienza di un magistrato. Durante tutta l’attività del laboratorio, gli studenti saranno accompagnati presso le aule di giustizia del Tribunale Ordinario di Roma per prendere parte alle fasi principali del processo penale. Il laboratorio si concluderà con il coinvolgimento degli studenti nella simulazione di un processo penale.

icone_giurisprudenza-59

Il terrorismo tra oriente e occidente
Orientamento Scienze Penali, Criminologiche e Investigative

Il Laboratorio sul Terrorismo parte da alcune considerazioni di base. L’occidente fatica a fare i conti con l’emergenza terroristica di matrice islamica soprattutto da quando l’Europa è diventata territorio privilegiato dell’ondata di attentati inaugurata a Parigi con l’attacco a Charlie Hebdo nel gennaio 2015. Il focus dell’agenda politica nazionale e internazionale è indubbiamente centrato sul fenomeno, ma gli ordinamenti si incagliano sull’inquietante interrogativo ‘se’il diritto penale sia davvero lo strumento adeguato per tutelare la società, e i diritti fondamentali di tutti, contro questa minaccia. Partendo dall’evidente dato di fatto per cui il diritto e il processo penale sono, oggi,utilizzati come ‘strumenti’ di contrasto al terrorismo, imperniati su una logica di ‘doppio binario’, già ampiamente sperimentata nel nostro paese in relazione all’altra grande ‘perenne emergenza’ rappresentata dalla criminalità organizzata, l’obiettivo del laboratorio è la conoscenza del fenomeno come declinato sul piano legislativo, affrontato in concreto dai settori investigativi e interpretato dalla prassi giurisprudenziale. Attraverso gli incontri di didattica frontale sarà illustrato un inquadramento delle diverse fattispecie di terrorismo di fonte nazionale e internazionale al fine di avvicinare lo studente a un insieme di conoscenze e tecniche specifiche di lavoro inerenti l’ordinamento nazionale. In particolare, il corredo normativo penale, sostanziale e processuale, di contrasto al fenomeno sarà analizzato alla luce degli interventi di settore inaugurati con la L. 31.07.2005, n. 55 “Conversione in Legge, con modificazioni, del Decreto Legge 27 luglio 2005, n. 144, recante misure urgenti per il contrasto del Terrorismo Internazionale”,e ripresi dalle recenti introdotte con il D.L.18.2.2015, n. 7 convertito con la L. 17.04.2015, n. 43 e con la L. 28.07.2016, n. 153 di adeguamento del nostro ordinamento a una serie di impegni internazionali in materia. La casistica giurisprudenziale interna ed europea guiderà l’approfondimento di un tema, quello del terrorismo, la cui analisi non può non ‘approvvigionarsi’ ai principali arresti giurisprudenziali declinanti il fenomeno nella prassi. Tracciato il perimetro normativo nazionale e internazionale di riferimento, gli studenti saranno sottoposti a una vera e propria case-law analysis. Al fine di integrare la conoscenza dogmatica generale con un approccio pratico, professionalmente qualificato, gli studenti, da un lato, si confronteranno con una base di dati relativi a indagini realmente condotte sulla fattispecie concreta, guidati da un magistrato, dall’altro, attraverso un incontro seminariale di studio, interagiranno con coloro i quali (magistrati, avvocati, esponenti delle forze speciali di investigazione ed esperti del settore) affrontano quotidianamente la sfida di un’azione efficace di contrasto e prevenzione del terrorismo.

icone_sport-12

Business Game
Orientamento Giurisprudenza dello sport

Il Business game è un sistema di apprendimento basato sul modello di tipo esperienziale (learning by doing), finalizzato a favorire un nuovo modo di analizzare e organizzare i processi all’interno dell’azienda. È un esercizio di decision making strutturato attorno ad un modello di business nel quale i partecipanti assumono il ruolo di decisori (manager del business simulato) che gli permette individuare, governare e perseguire tre grandi obiettivi:

  1. comprendere l’importanza della combinazione dei fattori tempo informazione e risorse nelle decisioni di business;
  2. comprendere come decisioni differenti disegnino scenari differenti;
  3. comprendere la complessita’ delle realtà di un business.

Gli studenti saranno accompagnati e guidati dai docenti del corso di studi in Giurisprudenza e da esperti appartenenti al settore dello sport come presidenti federali, tecnici e atleti, e si immergeranno in una simulazione altamente realistica di attività di business afferenti il mondo sportivo.

icone_sport-15

Il processo sportivo
Orientamento Giurisprudenza dello sport

Il Laboratorio è volto ad affrontare le dinamiche e lo svolgimento del processo sportivo attraverso una rappresentazione consapevole della cornice di disciplina e la simulazione delle diverse singole fasi.

In particolare, utilizzando il sistema di apprendimento basato sul modello di tipo esperienziale (learning by doing), gli studenti, accompagnati e guidati dai docenti del corso di studi e da esponenti del mondo della giustizia sportiva, saranno inseriti in una simulazione altamente realistica del processo sportivo assumendo in prima persona i diversi ruoli di procuratore federale, componenti dei Tribunali federali e delle Corti sportive di appello e, infine, del Collegio di Garanzia dello Sport, al fine di favorire un nuovo modo di analizzare e organizzare i processi cognitivi afferenti il processo sportivo stesso.

LEGAL GAMES

L'offerta formativa del Corso di Laurea è completata dalla partecipazione degli studenti a Legal Games, attività di perfezionamento delle conoscenze giuridiche. I Legal Games si terranno in due appuntamenti fissati all’inizio dell’anno accademico e avranno a oggetto simulazioni del processo civile o penale.

Alla sessione di gioco parteciperanno gli studenti che, nell’occasione, saranno divisi in pool di professionisti da 4-5 componenti. I team dovranno confrontarsi con un Collegio giudicante formato dai propri docenti. Dinanzi a tale organo i “legali” dovranno affermare le proprie argomentazioni e discutere le documentazioni prodotte nel giudizio.

Il Legal Game è un banco di prova concreto, gli studenti dovranno dimostrare di aver acquisito capacità di analisi, di inquadramento delle problematiche, conoscere gli istituti del diritto sostanziale e processuale, aver maturato la necessaria disinvoltura nella redazione degli atti del processo.

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookie, leggi la cookie policy. - More Info | Close