Master

Gestione dei Beni Culturali - X edizione

II livello
X
1 anno
Weekend alterni (Sabato e Domenica)
Italiano
60
Blended (ore lezioni 50% in presenza e 50% a distanza)

Aperte le iscrizioni
Inizio Primavera 2022


Borse di studio INPS

Procedura selettiva Master Executive INPS 2021-2022

Pubblicazione liste idonei INPS

 

Finalità

Il Master è rivolto a tutti coloro che già lavorano o che intendono lavorare nel mondo dei beni culturali, sia in ambito pubblico sia nel settore privato. Il percorso formativo si propone di fornire le competenze e gli strumenti necessari per adottare una visione manageriale e sviluppare modelli innovativi di gestione e valorizzazione dell’inestimabile patrimonio artistico- culturale del nostro Paese.

La “valorizzazione”, quindi, non come un concetto astratto ma come il traguardo ben definito di un’articolata strategia che presuppone competenze finora non richieste a direttori di musei, consulenti e manager dei luoghi della cultura e che non vengono acquisite durante gli studi universitari di storia dell’arte, archeologia e architettura: la comunicazione e il marketing, l’utilizzo delle nuove tecnologie, l’attivazione di relazioni e sinergie con il comparto turistico, l’audience development, l’ottimizzazione del rapporto tra pubblico e privato, la capacità di attrarre risorse finanziarie, una nuova accessibilità culturale e, più in generale, l’acquisizione di competenze di management sia gestionale che finanziario.

Destinatari e sbocchi occupazionali

Le figure professionali che il Master aspira a formare sono:

  • direttori di musei
  • manager di aziende private che forniscono servizi culturali
  • consulenti degli enti pubblici preposti alla gestione e valorizzazione del patrimonio culturale
  • curatori e organizzatori di mostre ed eventi
  • sviluppatori di prodotti culturali innovativi
  • consulenti di imprese culturali e di industrie creative
  • esperti in marketing e comunicazione dei beni culturali

Ammissione

I candidati al Master devono essere in possesso di Laurea Specialistica, di Laurea Magistrale e/o di Laurea Vecchio Ordinamento, conseguita in una Università degli Studi della Repubblica Italiana o altro Istituto Superiore equiparato, o di altro titolo equivalente conseguito presso altra Università, anche straniera, a condizione che il medesimo sia legalmente riconosciuto in Italia.
I candidati in possesso di un titolo accademico conseguito all’estero dovranno essere in possesso della dichiarazione di valore del titolo conseguito, rilasciata dalle competenti rappresentanze diplomatiche o consolari italiane del paese in cui hanno conseguito il titolo.

Retta

La retta annuale, senza agevolazioni, per l’iscrizione al Master è di € 10.000

Immatricolazione

Lo studente che desideri immatricolarsi, potrà chiedere un appuntamento con l’Ufficio Orientamento, chiamando il +39 06 94802282

Direttore scientifico

Prof. Lorenzo Soave
Direttore Gestioni Museali e Mostre MUNUS ARTS & CULTURE

Lorenzo Soave

Cristiana Collu

Stefano Casciu

Rossella Vodret

Marco Di Fonzo

Rita Cosentino

  • I luoghi della cultura: la storia, il presente e gli scenari futuri: le riforme del MiBACT e l'era post-Covid
  • Panoramica: attori, enti, istituzioni dei BC; aspetti organizzativi e gestionali
  • Il sistema museale nazionale
  • Analisi del macroambiente, criticità ambientali e fattori di rischio per la conservazione del patrimonio
  • Gestione delle risorse patrimoniali, umane e finanziarie
  • Bilancio, amministrazione, economia della cultura
  • Beni culturali ed enti locali: la programmazione culturale per la valorizzazione del territorio
  • Il rapporto tra turismo e cultura: la valorizzazione dei luoghi della cultura attraverso il rilancio turistico
  • Le fiere dedicate ai beni culturali: Rome Museum exhibition
  • Il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale
  • La direzione di musei e monumenti: il Mausoleo e il Palazzo di Teodorico a Ravenna
  • La direzione delle aree archeologiche e dei Siti Unesco: il Museo e la Necropoli Etrusca di Cerveteri
  • I musei dotati di autonomia speciale: la Galleria Nazionale a Roma
  • Ricerca, cura e gestione delle collezioni
  • Museologia, museografia e allestimenti museali
  • Musei: la comunicazione istituzionale
  • Il ruolo dei privati nei musei: dal business plan di un museo alla gestione dei servizi al pubblico
  • Il Museum Shop: editoria d'arte e merchandising
  • La didattica museale
  • Beni culturali e accessibilità
  • Il marketing dei beni culturali
  • I beni culturali e il mondo digitale: il Social Media Marketing
  • Visual Merchandising; tecniche e strategie di vendita
  • Ufficio Stampa e beni culturali
  • Canali e strumenti della comunicazione: organizzazione e gestione della comunicazione
  • Musei italiani e servizi digitali; la tecnologia come forma di "edutainment"
  • Dalle audioguide alla realtà aumentata nei musei
  • La ricerca tecnologica nei beni culturali
  • Allestimenti multimediali per la divulgazione e valorizzazione dei luoghi della cultura: la Domus Aurea
  • Tecnologie a supporto dei beni culturali: i droni
  • Restauro e diagnostica artistica
  • La vita di un artista
  • Arte contemporanea: il rapporto tra artisti, storici dell'arte e istituzioni
  • Le gallerie d'arte e le fiere d’arte
  • Il Mibact e l'import-export delle opere d'arte
  • Le Case d'Asta
  • Collezionismo: dalla collezione privata alla corporate collection
  • Investire nell'arte
  • Progettazione di mostre ed eventi culturali
  • La cura della mostra
  • Pianificazione economico-finanziaria e organizzazione di una mostra
  • La gestione dei prestiti
  • L'immagine coordinata della mostra
  • Trasporti e assicurazioni
  • Gli allestimenti di una mostra
  • Il catalogo della mostra
  • Le mostre chiavi in mano
  • I Fondi europei
  • Next generation Italia
  • Leve fiscali locali, regionali e nazionali
  • Finanziamenti ed opportunità per le imprese culturali e terzo settore
  • Grant Making

Ciascun partecipante al master è chiamato ad elaborare un Project Work formativo professionalizzante coerente con i temi trattati dal corso.

Il progetto finale ha lo scopo di proporre una o più soluzioni innovative e/o migliorative attraverso l'approfondimento di variabili di contesto, processi e modelli applicativi. Può prevedere, infatti, sia l'innovazione di un’attività, sia l'impostazione o il cambiamento di una struttura organizzativa, o ancora il miglioramento di una nuova procedura operativa o lo sviluppo di un nuovo processo.

Il PW può essere individuale o di gruppo, in quest'ultimo caso l'apporto individuale sarà oggetto di valutazione specifica.

LINK SWITCH FORMULA

Per l’Anno Accademico 2020/21 Link Campus University ha progettato la Link Switch Formula per venire incontro alle nuove esigenze degli studenti offrendo un alto livello di insegnamento e un ambiente di apprendimento sicuro. Puoi scegliere tra la formula Smart, con la quale segui tutte le lezioni in diretta dal tuo computer con un professore in live streaming, e la formula SafeClass, modalità di lezione in presenza in una miniclasse di massimo 25 studenti. Sarà facile passare dall’una all’altra modalità in qualsiasi momento, a seconda delle necessità.

Richiedi Informazioni